Petto di faraona alla rosa 'Louise Odier'

Rosa 'Louise Odier' - Francia 1851 Rosa 'Louise Odier' - Francia 1851 La Louise Odier appartiene al gruppo delle Rose Bourbon di cui nessuno è del tutto sicuro sulla origine. Forma un cespuglio vigoroso che produce dei fiori stradoppi che assomigliano a quelli delle Camellie. Sono di colore rosa incarnato intenso e superbamente profumati. Fiorisce continuamente lungo tutta l’estate. E’ adatta a molteplici usi nel giardino, in particolare per formare delle siepi stupende alte circa 150 cm.

Ingredienti per quattro persone.

  • 2 petti di faraona interi
  • 4 rose fresche
  • 5 cucchiai di farina di castagne
  • 2 cucchiai di burro
  • 2 cucchiaini di maizena
  • 1 cucchiaio di semi di anice
  • 3 cucchiai di marsala secco di ottima qualità
  • 2 cucchiai di miele di acacia
  • 3 spicchi di aglio
  • 200 gr. di brodo leggero

 

Pulire le rose scartando la parte terminale bianca. Mettete la metà dei petali in un mortaio insieme ai semi di anice. Pestatele fino a ottenere una poltiglia che poi bagnerete con un cucchiaio di marsala.

Tritate finemente l’aglio e in una padella unire il burro facendolo insaporire, ma non dorare. Unire la poltiglia di rose, il miele, la farina di castagne, la maizena, il brodo e i restanti due cucchiai di marsala. Cuocere a fuoco lento mescolando spesso e facendo attenzione a non fare grumi. La salsa dovrà risultare fluida ma spessa.

Dividere i petti di faraona eliminando l’osso centrale, farli dorare in poco burro e condirli con sale e pepe macinato al momento. Unire metà della salsa, cuocere per cinque minuti a fuoco lento unendo poco brodo se la salsa si restringe troppo.

Al momento di servire in piatti singoli sistemare un fondo di insalatina, adagiarvi un quarto dei petti di faraona, nappare con la salsa e decorare con i petali rimasti.